Cos'è la manutenzione autonoma?

È un elemento di base della Total Productive Maintenance (TPM). Si concentra sul mantenimento delle condizioni ottimali delle apparecchiature al fine di prevenire perdite di apparecchiature dovute a fermate, perdite di velocità e difetti di qualità.

I suoi obiettivi principali sono i seguenti:

- Il trasferimento della responsabilità delle macchine al Reparto Produzione.

- Rilevamento delle anomalie prima che si verifichi il guasto.

- Riduzione della manutenzione correttiva.

Il modo in cui dobbiamo implementare questo sistema nella nostra azienda e organizzazione è attraverso i seguenti passaggi:

Selezione di una zona / macchina pilota in base a:

- Ubicazione dell'area / macchina

- Numero di guasti

- Costi di manutenzione

· Definire i punti da ispezionare (Pulizia / Ispezione / Lubrificazione).

In questa fase entra in gioco il reparto produzione insieme al reparto manutenzione.

In questa officina verranno rilevati i punti da ispezionare, pulire o lubrificare e verranno definite la periodicità, il materiale e i prodotti necessari, i tempi stimati e le condizioni di realizzazione (macchina ferma, valvola chiusa, ...)

Monitoraggio di punti critici definiti

Ciò include i parametri della macchina all'interno dell'intervallo di lavoro, la pulizia della macchina, i livelli dell'olio, ecc.

· Supervisione dei percorsi da parte del responsabile di zona, per garantire la conformità.

I risultati ottenuti non si vedranno immediatamente, ma è necessario un follow-up in quanto ci consentirà di progettare strategie di manutenzione adeguate ad ogni apparecchiatura e processo.

Elenco dei termini